Beyond the Shape

Terza conferenza del ciclo "Beyond the Shape" che si terrà presso la SAAD di Ascoli Piceno (Università di Camerino) il giorno 21 marzo 2019 alle ore 14.30 presso l'aula C012 Sant’Angelo Magno. Questa volta l'ospite sarà Emilio Caravatti dello studio Caravati_Caravatti Architetti, impegnato in progetti umanitari e vincirote del prestigioso  Premio “Architetto Italiano 2017”. L'inizio della conferenza sarà tassativamente alle 14.30. Si prega puntualità. Per l'evento è previsto il consueto credito formativo

Saluti Giuseppe Losco, Direttore SAAD Unicam, Introduzione Roberto Bianchi, Roberto Ruggiero
beyondtheshape Storie di progetto e costruzione di architetture italiane contemporanee nel racconto dei protagonisti

Comitato Scientifico

Roberto Bianchi e Roberto Ruggiero (Resp. Scientifici), Luigi Coccia, Federica Ottone, Spartaco Paris, Massimo Perriccioli. Comitato organizzativo Nicola Alessandroni, Roberto Cognoli, Claudia Cola, Tommaso Daunisi, Valeria Melappioni, Laura Ridolfi.

beyondtheshape_Jigiya So’ Rehabilitation Center Mali 2014

il progetto

Il Centro di Riabilitazione Psicomotoria JIGIYA SO affronta il tema dell’integra-
zione sociale e della disabilità. Primo centro realizzato negli ultimi 25 anni nella
Repubblica del Mali, si pone l’obiettivo di avviare un processo di integrazione
e sensibilizzazione sul tema, ancora lontano dall’essere affrontato consapevol-
mente in queste aree dell’Africa occidentale. Il progetto integra funzioni lega-
te alla terapia, con funzioni aggregative aperte alla comunità, raccogliendo un
bacino di utenza anche di popolazioni delle vaste aree rurali di savana della
regione. Su un terreno in leggera pendenza, le funzioni sono raccolte e protette
da una unica copertura. Logge e porticati disegnano patii-giardino dedicati alle
diverse attività; come stanze a cielo aperto, caratterizzate da specie di alberature
differenti, contribuiscono al confort ambientale dell’intero complesso. Il proget-
to è modulato sulle dimensioni del blocco in cemento essiccato al sole, unico
materiale utilizzato nel circostante contesto urbano, e sul passo di sottili pilastri
in ferro, posti su una maglia strutturale. Sottili bucature nelle murature massive,
modulate sul blocco costruttivo, si adattano alle esigenze degli ambienti interni,
ai diversi orientamenti solari e connotano i caratteri compositivi dei fronti dell’e-
dificio.
 

Condividi